Post navigation

Trend di viaggio

I vini che vengono da nord

Si dice vino e si pensa subito all’Italia, alla Francia o all’assolata Napa Valley, in California. Ma, negli ultimi decenni, anche i paesi a nord della Alpi come Germania e Svizzera hanno investito molto nella produzione vitivinicola, spesso con risultati più che convincenti – e la bevanda di Bacco è uno dei motivi di viaggio in queste regioni. La soleggiata Friburgo, ai margini della Foresta Nera, è considerata il capoluogo delle regioni vinicole del Breisgau, del Kaiserstuhl e del Markgräferland, che producono rinomati vini fruttati – soprattutto bianchi. Alla Festa del Vino dal 4 al 9 luglio 2019, allestita intorno al Duomo gotico di Friburgo, cantine e viticoltori locali presentano le loro migliori etichette, accompagnati dai piatti tradizionali della cucina del Baden. In agosto, invece, il Freiburger Weinkost invita, dal 1° all’11 del mese, abitanti e turisti ad assaggiare i vini tipici della regione. Stoccarda è, insieme a Vienna, l’unica grande metropoli europea dove i vigneti arrivano, eleganti, fino in centro città. Oltre a costituire un ottimo richiamo paesaggistico, i vigneti fanno parte dell’economia e della quotidianità cittadina: in centro, nelle periferie o anche al Museo del Vino, chiedere un quartino di Trollinger o Sauvignon Blanc è naturale e apprezzato. Tra fine agosto e la prima settimana di settembre a Stoccarda si tiene ogni anno Il Villaggio del Vino: una festa collettiva per degustare le etichette della regione, accompagnati dai piatti della gastronomia locale, e divertirsi insieme. Anche sul Lago di Costanza i vigneti fanno parte integrante del paesaggio. Qui le tipologie di vino più diffuse sono il Müller-Thurgau e il Pinot Nero, in particolare nella regione di Sciaffusa. Tra le esperienze a tema che si possono fare nell’area ci sono i soggiorni in botte, le degustazioni in cantine rinomate e la visita al museo del vino Vineum di Meersburg.